Diritto agli alimenti e mantenimento Novità
Tiziana Montecchiari

Diritto agli alimenti e mantenimento

  • Strumenti del diritto
  • 2020

Il libro affronta argomenti di grande attualità nel contesto dei rapporti familiari, e in particolare, gli alimenti, la solidarietà familiare, lo scioglimento del vincolo coniugale e l’assegno divorzile, che hanno subito una graduale modifica normativa nel tempo, in relazione al contestuale mutamento di istanze sociali che si sono avvicendate nel corso degli anni e che anche attualmente richiedono un opportuno adeguamento legislativo.

La giurisprudenza, in particolare della Suprema Corte di Cassazione, ha contribuito moltissimo all’interpretazione del significato circa l’inadeguatezza dei mezzi, il concetto del tenore di vita e i vari presupposti indicati dall’art. 5 della legge sul divorzio dopo la riforma del 1987, ma la svolta più rilevante è stata senza dubbio quella della sentenza n. 11504 del 2017 e della sentenza a Sezioni Unite n. 18287 del 2018, quest’ultima, in particolare, ha contribuito, o meglio, ha suggerito al legislatore una modifica normativa, attraverso una proposta formulata sulla base di alcuni nuovi principi, pur mantenendo anche valori consolidati. L’analisi approfondita del nuovo «rivoluzionario » orientamento è stata realizzata attraverso una disamina di numerose sentenze che hanno contribuito ad incrementare l’interpretazione più adeguata rispetto a nuove istanze sociali familiari, in conseguenza anche dei nuovi modelli familiari disciplinati con la legge 76/2016 sulle unioni civili. Il capitolo finale del volume riguarda l’affidamento, il mantenimento e il divorzio nel contesto dell’emergenza sanitaria 2020.

Tiziana Montecchiari è Professore associato in Istituzioni di diritto privato presso l’Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di giurisprudenza. È titolare degli insegnamenti di Diritto dei minori e della famiglia e di Istituzioni di diritto privato.

1 Tutti volumi e versioni

I prezzi, comprensivi di IVA, possono variare senza preavviso.
In mancanza di indicazione l'opera è a aliquota 4% in regime di IVA assolta all'origine.