Art. 679-712
Antonio Albanese

Art. 679-712

Revocazione delle disposizioni testamentarie, Sostituzione, Esecutori testamentari

  • Commentario del Codice Civile
  • 2015

Gli istituti giuridici commentati – revocazione, sostituzioni ed esecuzione testamentaria – hanno un comune denominatore nell’autonomia privata, sub specie di autonomia testamentaria. Dal valore e dai limiti dell’autonomia testamentaria discendono i problemi applicativi e le soluzioni interpretative, che attraversano i principi fondamentali della successione mortis causa (certezza; personalità; formalismo; revocabilità).

Con la revoca di un precedente testamento, il disponente può mantenere in vita la successione testamentaria, mutando o aggiungendo disposizioni o revocando solo in parte le precedenti o ripristinando un testamento precedente a quello revocato, ma può anche dar luogo alla successione legittima, limitandosi a revocare ogni precedente disposizione testamentaria senza null’altro disporre.

La sostituzione ordinaria costituisce un momento di precipua attenzione per la scelta: il disponente ha l’occasione di perpetuare la propria scelta all’infinito (sostituzione successiva) e di modularla come meglio crede (sostituzione plurima e reciproca). Un congegno, dunque, la cui scarsa diffusione nella prassi è da attribuire alla scarsa conoscenza della sua utilità.

La sostituzione fedecommissaria ha assunto un carattere esclusivamente assistenziale a seguito della riforma del diritto di famiglia; ma l’evoluzione della giurisprudenza e i recenti interventi normativi ripropongono sotto una nuova luce le questioni sottese all’istituto: il divieto di sostituzione fedecommissaria in ogni altra ipotesi, il fedecommesso de residuo, l’attribuzione separata del diritto di usufrutto e della nuda proprietà, la clausola «si sine liberis decesserit», il divieto di alienazione, i rapporti tra fedecommesso e trust, l’applicazione all’ipotesi di amministrazione di sostegno, l’usufrutto successivo.

Anche per la figura dell’esecutore testamentario, la fonte di produzione attinge al principio di autonomia privata. Le ragioni che spingono il testatore a prevedere un esecutore testamentario possono essere le più varie: l’esigenza di avvalersi della competenza tecnica di un notaio o di un avvocato o di altro professionista; l’assenza di soggetti legittimati ad ottenere l’adempimento di una o più disposizioni testamentarie; la preoccupazione che i chiamati non si attengano alla volontà testamentaria.

Nel Commento è costante il riferimento, oltre che agli istituti di cui al Libro II del codice civile e all’impatto, su di essi, della recente riforma della filiazione, alle altre innovazioni legislative degli ultimi anni (in tema di indegnità a succedere, di patto di famiglia, di amministrazione di sostegno), all’imporsi di nuovi istituti (come il trust), e ai mutamenti giurisprudenziali che paiono insistere, sotto diversi profili, verso un ampliamento dell’autonomia privata.

1 Tutti volumi e versioni

I prezzi, comprensivi di IVA, possono variare senza preavviso.
In mancanza di indicazione l'opera è a aliquota 4% in regime di IVA assolta all'origine.

Volume unico

Pagine: 432 ISBN: 9788808159168
Disponibile in 5 gg lavorativi
Prezzo: € 89,70
Aggiungi al carrello